• White Instagram Icon
  • White Facebook Icon

Studio f/Zero - Viale Canepa 9-11r 16154 
Genova Sestri Ponente
P.Iva: 02453270999 

Contatti

info@studiofzero.it  / 342 8064107

zena noir

Zena Noir è un racconto fotografico di Andrea Facco, un progetto che prende forma e spunto dai fotoromanzi, un tempo molto diffusi e ormai praticamente scomparsi.
Già il titolo ci introduce in questo piccolo universo creato da Andrea.

Il racconto, infatti, si svolge a Genova, “Zena” in dialetto genovese, che assume un aspetto più scuro e misterioso, quasi dai tratti “dark” e soprattutto “Noir”, ricordando la filmografia, soprattutto americana, di questo genere.
In tale cornice, si svolge questa storia che riprende e fa l’occhiolino anche a film più attuali  - quali Sin City - e si fonde, anche, con elementi tipici del “thriller” e del “fantasy”.

Il tutto è completato dall’uso del bianco e nero che con si suoi forti contrasti va quasi a rappresentare, simbolicamente, il conflitto tra il bene e il male, presenti anch’essi nel racconto.

Il protagonista, che risulta essere Andrea Facco stesso, - oltre a svolgere il ruolo di fotografo -, ha, anche, interpretato la parte del protagonista in questa storia da lui narrata.
E' stato tanto divertente, quanto una sfida, passare da un lato all’altro della macchina fotografica, preparando dapprima il set fotografico per poi andare ad interpretare il protagonista del racconto.

E non si può non parlare degli altri personaggi presenti: diversi amici di Andrea hanno partecipato con estremo piacere a questo progetto.

Gli scatti sono stati realizzati in due parti, la prima a Giugno 2016 e la seconda nell’Aprile 2017.
Andrea ci racconta di aver realizzato la prima parte del racconto per presentarlo alla lettura del Portfolio fotografico che si tiene ogni anno a Sestri Levante, progetto che aveva ottenuto un ottimo riscontro da parte dei lettori.
Successivamente tra Marzo e Aprile 2017 ha deciso di modificare il racconto, creando una serie di nuovi scatti e inserendo nuovi personaggi al fine di articolare maggiormente la narrazione e creare, così, un epilogo più completo ed intrigante.